SuperAbile






In Normativa e Diritti


Auto esenzione bollo persone non vedenti

Devono comprendersi le persone indicate agli articoli 2, 3 e 4 della legge del 3 aprile 2001 n. 138.

12 novembre 2019

DEFINIZIONE

Persone con cecità assoluta o che hanno un residuo visivo non superiore ad un decimo ad entrambi gli occhi con eventuale correzione. In tale categoria devono comprendersi i non vedenti indicati agli articoli 2, 3 e 4 della legge 3 aprile 2001, n. 138. I citati articoli individuano esattamente le varie categorie di non vedenti, fornendo la definizione di ciechi totali, di ciechi parziali e di ipovedenti gravi.

COSA

Se la persona non vedente è fiscalmente a carico di un suo familiare (possiede cioè un reddito annuo non superiore a 2.840,51 euro o a 4.000 euro, dal primo di gennaio 2019, per i figli di età non superiore a 24 anni), può beneficiare dell'esenzione lo stesso familiare della persona con disabilità. Ricordiamo che le pensioni, gli assegni e le indennità corrisposte agli invalidi civili non "fanno reddito" ai fini Irpef (art. 12 e com. 2 art. 13-bis DPR 22/12/1986 n. 917).

L'agevolazione spetta per un solo veicolo e se si acquista una nuova auto occorre comunicare all'autorità il veicolo scelto per l'esenzione. Non è necessario che il veicolo sia adattato. Possono fruirne autovetture, autoveicoli per trasporto promiscuo, autoveicoli per trasporti specifici.

Limiti di cilindrata: 2000 cc a benzina, 2800 cc a gasolio.

Non sono esentabili gli autocaravan.

COME

La richiesta di esenzione va presentata entro 90 giorni dalla scadenza del pagamento (termine non perentorio). Una volta accolta, l'esenzione si intende valida finché la situazione rimane invariata.

Recarsi presso l'Ufficio tributi dell'ente Regione (se presente), oppure all'ufficio locale dell'Agenzia delle Entrate.

Alcune regioni (Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Puglia, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta) e le province di Trento e Bolzano, per la gestione delle pratiche di esenzione dal pagamento della tassa automobilistica, si avvalgono dell'Aci.

DOCUMENTAZIONE

Presentare una specifica domanda su apposito modello, allegando:

  • copia della carta di circolazione;

  • copia della certificazione (rilasciata da Commissioni pubbliche deputate a tali accertamenti) che attesta la sua condizione;

  • nel caso in cui sia il familiare ad acquistare il mezzo, documento attestante che la persona non vedente è fiscalmente a carico, con fotocopia dell'ultima dichiarazione dei redditi o autocertificazione.

Riguardo alle certificazioni, l'art. 4 del Decreto Legge 9 febbraio 2012 n. 5, ha introdotto importanti semplificazioni. In particolare è stato previsto che i verbali di accertamento dell'invalidità civile, handicap, cecità, sordità, disabilità delle commissioni mediche devono riportare anche la sussistenza dei requisiti sanitari necessari per poter richiedere le agevolazioni fiscali relative ai veicoli.

RIFERIMENTI NORMATIVI

"Le agevolazioni fiscali per le persone con disabilità" 2019
(Pubblicata sul sito dell'Agenzia delle Entrate la nuova guida aggiornata a ottobre 2019);

Circolare dell'Agenzia delle Entrate del 21 maggio 2014 n. 11/E; (punto 7.5 furto del veicolo)

Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 20 giugno 2012 n. 66/E; (contratto di leasing)

Circolare dell'Agenzia delle Entrate 1 giugno 2012 n. 19/E; (punto 3.2 Esportazione all'estero di veicoli)

Decreto Legge 9 febbraio 2012 n. 5; (conv. nella Legge 4 aprile 2012 n. 35, in particolare art. 4 commi 1 e 2 Semplificazioni in materia di documentazione per le persone con disabilità)

Circolare dell'Agenzia delle Entrate 13 maggio 2011 n. 20/E; (punto 4.3 Acquisto di autovetture da parte di soggetti disabili all'estero)

Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 28 maggio 2009 n. 136/E; (vendita dell'auto dopo il decesso della persona con disabilità)

Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 17 gennaio 2007 n. 4; (intestazione del veicolo)

Legge 27 dicembre 2006 n. 296; (art. 1 comma 36 autoveicoli utilizzati in via esclusiva o prevalente a beneficio delle persone con disabilità; comma 37 vendita del veicolo prima dei due anni dall'acquisto)

Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 16 maggio 2006 n. 66; (agevolazioni per 2 veicoli per 2 figli con disabilità fiscalmente a carico)

Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 8 agosto 2005 n. 117/E; (IVA agevolata anche agli accessori venduti unitamente al veicolo)

Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 17 settembre 2002 n. 306/E; (Agevolazioni fiscali per le spese di riparazione dei veicoli adibiti al trasporto di persone disabili)

Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate 4 giugno 2002 n. 169/E; (esenzione bollo per un soggetto intestatario di due autovetture che ha fiscalmente a carico due persone con disabilità)

Circolare del Ministero delle Finanze 30 luglio 2001 n. 72; (Ulteriori chiarimenti in materia di agevolazioni fiscali per l'acquisto di veicoli da parte di soggetti non vedenti e sordomuti)

Circolare dell'Agenzia delle Entrate 14 giugno 2001 n. 55; (punto 1.2.2 limiti temporali)

Circolare del Ministero delle Finanze 11 maggio 2001 n. 46; (ulteriori chiarimenti in materia di agevolazioni per disabili)

Legge 3 aprile 2001 n. 138; (articoli 2, 3, 4)

Circolare del Ministero delle Finanze 3 gennaio 2001 n. 1; (punto 2.3.5 ulteriori chiarimenti)

Legge 23 dicembre 2000 n. 388; (art. 30 comma 7)

Legge 21 novembre 2000 n. 342; (art. 50 comma 1)

Circolare del Ministero delle Finanze 16 novembre 2000 n. 207; (punto 2.1.10 Agevolazioni per i disabili)

Circolare del Ministero delle Finanze 29 dicembre 1999 n. 247; (punto 1.4)

Legge 23 Dicembre 1999 n. 488; (art. 6)

Circolare del Ministero delle Finanze 15 luglio 1998 n. 186/E; (Tasse automobilistiche, agevolazioni per i veicoli per disabili)

Circolare del Ministero delle Finanze del 25 febbraio 1998 n. 59/E; (Tasse Automobilistiche)

Legge 27 dicembre 1997 n. 449; (art. 8)

Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986 n. 917; (Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi)

Legge 9 aprile 1986 n. 97; (aliquota ridotta dei veicoli di persone con disabilità)

Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972 n. 633 (tabella A parte II punto 31).

di Antonello Giovarruscio

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati