SuperAbile






In Accessibilità


Attività edilizia per l’accessibilità nel Testo unico dell’edilizia

Le norme sull’accessibilità e sul superamento delle barriere architettoniche sono raccolte in un unico testo legislativo.

28 agosto 2019

Questo è il Testo unico dell'edilizia (TUE), il DPR 6 giugno 2001 n. 380 -Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia - una raccolta di norme che disciplinano la materia edilizia.
Il TUE contiene i principi fondamentali e generali, le disposizioni per la disciplina dell'attività edilizia attinenti le pratiche amministrative, la vigilanza, il controllo preventivo e il regime sanzionatorio dell'attività stessa.
 
Entrato in vigore a gennaio 2002 ha subito negli anni aggiornamenti, per la modifica o l’abrogazione delle norme a cui fa riferimento. Costituisce uno tra i principali strumenti normativi per la gestione dell’attività edilizia, certamente necessario per gli addetti ai lavori, ma utile anche per chi, non in questa categoria, voglia un quadro di riferimento generale nel contesto della progettazione accessibile, rispetto alle norme in vigore e alle modifiche susseguitesi nella loro applicazione.
È diviso in tre parti: attività edilizia; normativa tecnica per l’edilizia; disposizioni finali.
E la disciplina che regola l’attività edilizia, inerente il superamento delle barriere architettoniche riguardate gli interventi di ristrutturazione e adeguamento di edifici esistenti e la progettazione accessibile nei edifici di nuova costruzione, è contenuta dall’articolo 77 al 82.
Precisamente, nella seconda parte, al Capo III - Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, pubblici e privati aperti al pubblico.
Nelle sezioni: I -Eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati;
II -Eliminazione o superamento delle barriere architettoniche negli edifici pubblici e privati aperti al pubblico.
 
Il TUE per le disposizioni sugli edifici privati contiene, letteralmente, alcuni articoli della Legge 13/89 su: progettazione, deliberazioni di condominio, provvedimenti amministrativi, regime dei vincoli e tutela. Per gli edifici pubblici e privati aperti al pubblico contiene l’articolo 24 dalla Legge 104/92. Negli articoli sono, inoltre, richiamati i riferimenti legislativi per precisi argomenti di interesse.
Negli anni le modifiche principali, nel quadro di applicazione degli articoli citati, hanno riguardato:
  • per gli edifici sia pubblici e privati aperti al pubblico che per quelli privati, con l’abrogazione del DPR 384/78, il ricorso all’applicazione del DM 236/89, già presente nella norma, e la definizione di barriera architettonica indicata dal DPR 503/96;
  • l’introduzione delle norme del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio, D.Lgs, 42/2004, per gli edifici soggetti a regime vincolistico;
  • le modifiche all’art.1136 del codice civile per le maggioranze necessarie alla approvazione delle opere nelle deliberazioni condominiali;
  • le modifiche introdotte dal D.Lgs. 222/16 per i titoli abilitativi necessari per la realizzazione degli interventi;
  • il ricorso all’applicazione del D.Lgs 81/08 nel caso di adozione di soluzioni “provvisionali” per edifici pubblici e privati aperti al pubblico soggetti a vincolo in mancanza di nullaosta alle opere.
  
Documenti di riferimento
 
 © Copyright SuperAbile Articolo liberamente riproducibile citando fonte e autore

di Giuseppina Carella

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati