SuperAbile






In Accessibilità


Dalla legge che disciplina il settore del cinema e dell’audiovisivo al decreto per il potenziamento delle sale cinematografiche e polifunzionali

L’accessibilità delle sale cinematografiche e polifunzionali è un elemento imprescindibile per accedere ai finanziamenti pubblici. Emanate le disposizioni applicative.

6 giugno 2018

Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo ha emanato il 15 marzo 2018 (pub. In Gazzetta Ufficiale il 25 maggio 2018) le Disposizioni applicative dei crediti di imposta nel settore cinematografico e audiovisivo, di cui agli articoli 16, 17, comma 1, 18, 19 e 20, della legge 14 novembre 2016, n. 220. La Legge 220/16 - Disciplina del cinema e dell’audiovisivo - (pubblicata in Gazzetta Ufficiale 26/11/2016 n. 277) detta i principali elementi dell’intervento pubblico a sostegno del cinema e dell’audiovisivo, attività di rilevante interesse generale per la creazione dell’identità culturale e della crescita del paese.

Il cinema e l’audiovisivo fanno parte a pieno titolo delle risorse culturali e come tali devono essere valorizzati, anche con la piena fruibilità da parte di tutti, come sancito all’art. 3 - PRINCIPI - punto g) promuove e favorisce la più ampia fruizione del cinema e dell'audiovisivo, tenendo altresì conto delle specifiche esigenze delle persone con disabilità, secondo i principi stabiliti dalle convenzioni internazionali sottoscritte dall'Italia in materia.

Il DPCM 04/08/17 - Disposizioni applicative del Piano straordinario per il potenziamento del circuito delle sale cinematografiche e polifunzionali - (pubblicato in Gazzetta Ufficiale 12/10/2017 n. 239) definisce, sulla base della Legge 220/16 (art. 28), le disposizioni applicative del Fondo istituito a favore del cinema e dell’audiovisivo; i tipi di intervento realizzabili, la tempistica e le modalità per l’accesso.

Il Fondo destina un importo complessivo di 120 milioni di euro per il quinquennio - dall'anno 2017 all’anno 2021. Alle risorse possono accedere le imprese di esercizio cinematografico italiane facendo richiesta dal 1 febbraio al 30 aprile di ciascun anno alla Direzione Generale Cinema del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Tra i requisiti di inammissibilità per la concessione del contributo è previsto che le sale cinematografiche e polifunzionali debbano avere requisiti di accessibilità per persone con disabilità o che queste vengano adeguate con la concessione dello stesso contributo.
Gli interventi finanziabili sono diversi e comprendono la demolizione e ricostruzione, acquisto di locali, lavori edili, rete impiantistica e sistemi per garantire l’accessibilità alle persone con disabilità.


Immagine tratta da pixabay.com

di Giuseppina Carella

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati