SuperAbile






In Accessibilità

Notizie


Mobilità dolce e ferrovie in disuso, verso i percorsi verdi

La proposta di legge della parlamentare del Pd Carmen Motta prevede l'utilizzo delle ferrovie in disuso come percorsi pedonali per utenti a mobilità ridotta: un modo di salvaguardare il loro patrimonio storico e ambientale attraverso l'uso pubblico a scopo sociale e turistico

14 settembre 2009

ROMA - Disposizioni per la tutela e la valorizzazione degli itinerari ferroviari dismessi e per la promozione della mobilita dolce. Questo il titolo della proposta di legge promossa da Carmen Motta del Pd e assegnata lunedì 14 settembre all'esame della commissione Ambiente. L'iniziativa ha come finalità la salvaguardia del valore storico e testimoniale delle ferrovie in disuso, anche dal punto di vista ambientale e paesaggistico, attraverso la loro valorizzazione mediante una rete nazionale della mobilità dolce che ne favorisca l'uso pubblico con scopo sociale per il turismo, il tempo libero e l'esercizio fisico.

Col testo si propone di individuare le ferrovie in disuso presenti sul territorio nazionale, tramite l'iscrizione in un apposito elenco, approvato con decreto del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, di concerto con i ministri per i Beni e le attività culturali e dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, da emanare entro un anno dalla data di entrata in vigore della legge. Le ferrovie in disuso potranno così essere destinate a diventare anche percorsi pedonali e per utenti a mobilità ridotta. Secondo i promotori dell'iniziativa le ferrovie presentano infatti pendenze regolari e modeste, permettendo ai percorsi verdi realizzati lungo il loro tracciato di adattarsi perfettamente ai bisogni dei ciclisti, dei pedoni di ogni età e delle persone disabili. (dp)

http://www.camera.it/_dati/leg16/lavori/stampati/pdf/16PDL0027740.pdf

(15 settembre 2009)

di e.proietti

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati