SuperAbile






In Accessibilità


I servizi igienici "pronti" per avere sempre una soluzione - prima parte

Esiste la possibilità di istallare servizi igienici "pronti" con dimensioni ed attrezzature rispondenti alla normativa, idonei all’uso da parte di persone con disabilità motoria

26 aprile 2019

Le ditte che producono queste tipologie di soluzioni, pronte per essere utilizzate, offrono moduli mobili e sistemi di prefabbricazione, alcuni da assemblare e completare in loco, sia per spazi all’aperto che al chiuso. Le soluzioni proposte sono dichiarate conformi alle specifiche tecniche della normativa vigente per il supermanto delle barriere architettoniche (DM 236/89) e rispettano prescrizioni igienico sanitarie.

Un aspetto a cui porre particolare attenzione per l’istallazione di queste soluzioni, proprio perché destinate a persone con disabilità, è l’insieme delle condizioni di accessibilità (posizione, difficoltà del percorso per raggiungerle, ecc) che devono tendere al più alto grado di possibilità di fruizione. Per questo è indispensabile controllare e predisporre ogni elemento per raggiunge ed accede al servizio.
Sono altresì da compiere tutti gli adempimenti e le verifiche (anche strutturali per le capsule prefabbricate per interni), relativamente alla soluzione che si intende adottare, quando necessari.

Queste soluzioni consentono, per la loro facilità di istallazione e flessibilità nella realizzazione, di risolvere diverse situazioni, che a prescindere anche dalla stessa normativa, devono avere sempre la disponibilità di bagni per diverse esigenze di fruizione, sia là dove non ci siano altri servizi igienici, che dove si intenda aumentarne il numero e ampliarne il bacino di utenza.
Per avere una panoramica generale sull’argomento, di seguito, le soluzioni possibili:
  • bagni mobili chimici;
  • moduli prefabbricati;
  • capsule prefabbricate per interni;
  • elementi assemblabili.
Per le soluzioni, diverse per caratteristiche, per grado di prestazioni e per possibilità di istallazione, è indispensabile fare tutte le necessarie verifiche di opportunità, considerando la situazione specifica in cui si interviene ed ogni altro aspetto. Non trascurabile è il confronto con le soluzioni tradizionali per avere il quadro completo su vantaggi e svantaggi, al fine di adottare la scelta più opportuna.

I bagni mobili chimici sono i moduli pronti da collocare presso le aree all’aperto, possono essere noleggiati, e si impiegano per eventi temporanei: manifestazioni, fiere, ecc. Sono composti da un blocco, generalmente in polietilene, non devono essere collegati a nessuna rete di alimentazione e di scarico in fogna disponendo di dispositivi per il rilascio di soluzioni chimiche per i processi di decomposizione.

Per regolare il corretto utilizzo di questa tipologia di sistemi, a causa della loro alta vulnerabilità sanitaria, il Ministero della Salute ha emanato le Linee Guida relative alle caratteristiche igieniche minime costruttive e gestionali dei bagni mobili chimici.

I moduli prefabbricati per spazi all’aperto possono essere pronti o da completare nelle finiture esterne ed interne, sono adatti per eventi temporanei, attività stagionali o in alternativa alle stesse realizzazioni in muratura in situazioni condizionate sia dalla logistica di cantiere che dalla tempistica, oltre che dalla scelta di soluzioni che possano essere removibili. Il mercato offre la disponibilità di moduli, che per l’alta flessibilità nella applicazione delle finiture esterne, sono progettati per adattarsi in particolari contesti come, ad esempio, i parchi naturali.

I moduli possono fornire prestazioni tecnologiche utili a garantirne un alto livello di efficienza, con sistemi autopulenti, di sanificazione, di purificazione, controllo da remoto e sicurezza, requisiti fondamentali per questo tipologia di scelta, sia nei contesti urbani che in altre situazioni.

Con i sistemi di prefabbricazione è possibile istallare servizi igienici per attività legate alla stagionalità, ad esempio, per stabilimenti balneari e per i campeggi. In questi casi il blocco delle unità di servizio (aggregazione di moduli) si compone, in genere, di diversi elementi destinati, anche, ad altri usi, quali: area lavandini, area docce, ecc. La composizione del blocco è definita sulla base delle esigenze del servizio, viene progettata, realizzata, trasportata e rifinita sul posto, o in alternativa assemblata per singole parti, collegata alla rete fognaria (sono disponibili anche con pompe trituratrici quando non c’è la possibilità dell’allaccio in fogna) ed impiantistica di acqua e luce.

Le soluzioni prefabbricate sono ormai anche ampiamente adottate per l’allestimento di spazi permanenti, al fine di sfruttare, inglobandole, diverse funzioni, come: pensiline dell’autobus, sportelli informativi oltre che servizi meccanizzati quali: distributori automatici e biglietterie automatiche.

di Giuseppina Carella

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati