SuperAbile






In Accessibilità


Progettare per le persone non vedenti e ipovedenti: circolare del Consiglio Nazionale degli Ingegneri

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (CNI) ha emanato una circolare affinché i propri iscritti pongano attenzione alla tematica delle barriere architettoniche, in particolare, alle soluzioni in favore delle persone non vedenti e ipovedenti

5 giugno 2019

La circolare n. 387 del 28 maggio 2019 dal titolo: "Eliminazione delle barriere architettoniche per non vedenti e ipovedenti ai sensi del dpr n. 503/1996, del dm n. 236/1989 e del dpr n. 380/2001 - necessità di prevedere accorgimenti e misure idonee in sede progettuale e di tenere conto delle esigenze delle persone non vedenti e ipovedenti – informativa per gli ordini territoriali e attività di sensibilizzazione degli iscritti all’albo" prende spunto dalla segnalazione inviata al CNI e agli altri Consigli Nazionali delle Professioni tecniche da parte dell’Associazione Disabili Visivi Onlus e dall’incontro intercorso con lo stesso presidente dell’associazione.
 
La questione sollevata dall’associazione riguarda il rispetto delle norme per il superamento delle barriere architettoniche che devono comprendere anche accorgimenti per l’orientamento e la sicurezza delle persone non vedenti e ipovedenti.
Infatti, l’associazione evidenzia: “come i numerosissimi inviti agli enti preposti ad adeguare le varie strutture alla normativa vigente tramite singole istanze e richieste di intervento hanno avuto scarso successo”. E ancora che: “nella stragrande maggioranza” delle asseverazioni rilasciate dai Professionisti è riportata la erronea dichiarazione di aver ottemperato alla eliminazione delle barriere architettoniche per i disabili, “dimenticando che sono disabili anche i non vedenti e gli ipovedenti”.
 
L’argomento porta all’attenzione come ancora sia necessario diffondere, con maggiore completezza, la conoscenza dei temi che interessano la progettazione accessibile e il significato di barriere architettoniche. Queste, infatti, come spesso avviene, non possono essere considerate solo gli ostacoli che impediscono la fruizione delle strutture da parte di persone con difficoltà di movimento o che utilizzano la sedia a ruote ma, riguardano un più vasto quadro comprendente gli ostacoli che impediscono l’orientamento, la comoda e sicura utilizzazione degli spazi e anche la mancanza di accorgimenti e segnalazioni per l’orientamento e la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti di pericolo sia per persone con problemi della vista che dell’udito (art. 2 lettera A del DM 236/89).
 
Il CNI esprime nella circolare la sua posizione a riguardo considerando “il tema sollevato degno della massima attenzione e deve comportare un supplemento di riflessione per chiunque rivesta un ruolo pubblico e per chi svolge il rilevante e delicato compito della Professione”; concordando “pienamente sulla necessità che nei progetti di nuovi edifici (e nella ristrutturazione degli esistenti) il tecnico progettista debba adeguatamente considerare – tra i molteplici fattori – anche la presenza di segnalazioni e accorgimenti che permettano alle persone non vedenti, ipovedenti e sorde di orientarsi correttamente, riconoscendo le fonti di pericolo”; ritenendo “che quella sul superamento delle barriere  sensopercettive sia una battaglia di civiltà, che deve vedere i professionisti Ingegneri impegnati in prima linea, nella loro attività quotidiana, sia come liberi professionisti sia come dipendenti, ai vari livelli della Pubblica Amministrazione”.
 
Ripercorso il quadro normativo di riferimento in materia di superamento delle barriere architettoniche il CNI raccomanda la massima diffusione della circolare per far accresce l’attenzione su questi temi in particolare per l’adozione delle opportune soluzioni per l’orientamento e la sicurezza in favore delle persone non vedenti e ipovedenti; la realizzazione di corsi e d’iniziative per sensibilizzare e aggiornare, tutte le figure tecniche interessare, anche occupate nelle pubbliche amministrazioni, sui diversi aspetti e le soluzioni progettuali.
 
Per consultare la circolare integralmente è possibile accedere alla banca dati del CNI

 

© Copyright SuperAbile Articolo liberamente riproducibile citando fonte e autore


Immagine tratta da pixabay.com
 
 

di Giuseppina Carella

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati