SuperAbile






In Accessibilità

Notizie


Con “Rowing 4 All” imbarcazioni gratuite per il canottaggio delle persone con disabilità

Progetto realizzato da Fondazione Vodafone e della Federazione Italiana Canottaggio. permetterà a persone con disabilità di avvicinarsi a questa disciplina in modo completamente gratuito. Iniziativa attiva in Sicilia, Lazio e Piemonte. Sabato scorso il battesimo dell’esperienza siciliana

5 dicembre 2017

PALERMO - Con il varo delle imbarcazioni acquistate grazie al contributo della Fondazione Vodafone e della Federazione Italiana Canottaggio, al molo CT Bersagliere (ex molo sud) di Palermo la società Canottieri TeLiMar ha dato il via a “Rowing 4 All”, un progetto - patrocinato anche dal Comune - che permetterà a persone con disabilità di avvicinarsi a questa disciplina in modo completamente gratuito. Per il momento il progetto è attivo in tre regioni: in Sicilia con il TeLiMar, in Piemonte con la Canottieri Armida e nel Lazio con la Tevere Remo. L’obiettivo, però, è di allargare l’iniziativa, coinvolgendo nei prossimi quattro anni anche altre regioni.
 
“Rowing for All è rivolto alle persone con disabilità fisiche, sensoriali e intellettive quale valido supporto per un percorso di integrazione ed inclusione sociale attraverso il canottaggio e l’indoor rowing. Il progetto coinvolge però anche gli altri atleti, le famiglie e le associazioni di riferimento nell’ottica dell’interazione per favorire l’inclusione sociale e l’integrazione. In questo modo la finalità è anche quella di sensibilizzare la cittadinanza alla conoscenza delle disabilità fisiche ed intellettive nell'ottica dell'abbattimento di tutte le barriere materiali e sociali.
 
Al battesimo del mare delle nuove imbarcazioni, avvenuto sabato scorso, erano presenti Andrea Vitale e Lorenzo D’Arrigo, rispettivamente vice presidente nazionale e presidente regionale della Federazione Italiana Canottaggio. Tra gli ospiti, anche l’assessore alle Attività Sociali del Comune di Palermo, Giuseppe Mattina, e il capo area per l’Innovazione tecnologica e lo Sport, Gabriele Marchese. Il progetto di sport e inclusione sociale si inserisce nell’ambito del più ampio contesto del lancio della piattaforma Ogni Sport Oltre.
 
“Questa iniziativa – ha sottolineato il dirigente sportivo Giorgio Giliberti – arriva a conclusione di un percorso che ha visto per circa dieci anni il TeLiMar accogliere in squadra persone con disabilità. Tutto è accaduto un po’ per caso, con l’inserimento dei fratelli di alcuni nostri atleti. Pian piano, però, ci siamo accorti di quanto tutti i ragazzi fossero cresciuti e maturati grazie a questa esperienza. Così, si è arrivati ad oggi con il nostro team misto che gareggia in tutta Italia negli Special Olympics ricevendo i complimenti di coloro che assistono alle gare. Per noi – continua Giliberti -, è una responsabilità, ma anche un onore l’essere stati scelti quest’anno per promuovere l’inclusione sociale attraverso il canottaggio. Grazie alla Fondazione Vodafone e alla Federazione, abbiamo a nostra disposizione nuovi strumenti che ci permetteranno di continuare il nostro percorso virtuoso dedicato agli atleti con disabilità”. “La Canottieri TeLiMar – dice D’Arrigo – è stata scelta per la disponibilità che ha dimostrato in questi anni nel seguire ragazzi con disabilità e, dunque, per l’esperienza maturata al di là di progetti di livello nazionale”. (set)

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati