SuperAbile






In Accessibilità

Notizie


Liguria, la "Giraffa a rotelle" testa le spiagge libere attrezzate: accessibili per le persone disabili?

Michela Aloigi sta portando avanti un’indagine insieme al figlio Matteo, tetraplegico, sulla fruibilità delle spiagge libere attrezzate per disabili: “Vediamo se sono a misura di disabile”

21 agosto 2017

ROMA - La “Giraffa a Rotelle” è un’associazione nata da poco a Imperia per volontà di Michela Aloigi, madre di un ragazzo tetraplegico, Matteo Baluganti. Lo scopo è quello di risvegliare le coscienze sulla disabilità. Da poche settimane il consiglio comunale del capoluogo ha adottato una misura che rende permanente la commissione Peba che si occupa dell’abbattimento delle barriere architettoniche. Michela sta portando avanti un’indagine insieme al figlio Matteo sulla fruibilità delle spiagge libere attrezzate per disabili. La donna si è recata a Taggia allo stabilimento balneare Ruffini e ha constatato con piacere che la spiaggia è davvero attrezzata. Sono due le sedie “Job”, che permettono ai portatori di handicap di percorrere la battigia e andare in acqua, inoltre, c’è una parte della spiaggia riservata ai disabili dotata di pavimentazione.
 
A Imperia Michela si è recata alla libera attrezzata a borgo Marina. “Il parcheggio è a pochi metri dallo Stabilimento ma purtroppo, anche i due posti riservati ai disabili sono a pagamento poiché per uscire dal parcheggio occorre pagare un ticket per aprire la sbarra – scrive Michela sulla pagina Facebook dell’associazione - la spiaggia ha una parte libera ed una dove è possibile affittare lettini, ombrelloni e sdraio. La parte attrezzata non é dotata di pavimentazione ma tutta di sabbia. In entrambe le spiagge si può usufruire gratuitamente di: bagno e doccia accessibile, Job, passerella fino all'arenile, bagnino”. Nei prossimi giorni toccherà alle spiagge libere al Prino, a borgo Foce e a Sanremo.
 

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati