SuperAbile






In Accessibilità

Notizie


32 lingue dei segni, 145 interpreti: così l'Europa parla con i sordi

Si è svolto a Bruxelles il convegno " Multilinguismo e parità di diritti nell'Unione Europea: il ruolo delle lingue dei segni", cui Ens ha partecipato con una sua delegazione. Mille partecipanti, 32 lingue dei segni, 24 lingue parlate, 145 interpreti "Per un giorno gli occhi dell'Europa sono stati focalizzati sul mondo dei sordi"

29 settembre 2016

ROMA - 'Multilinguismo e parità di diritti nell'Unione Europea: il ruolo delle lingue dei segni': è il titolo del convegno che si è svolto nei giorni scorsi nell'Emiciclo del Parlamento Europeo di Bruxelles. Presenti più di 1000 persone provenienti da tutto il continente, per un totale di 32 lingue dei segni e 24 lingue parlate rappresentate. Le barriere comunicative sono state abbattute dal grandissimo lavoro di 145 interpreti, che "hanno reso possibile questo spettacolo di inclusione e condivisione - riferisce l'Ens, presente all'incontro con una sua delegazione - Per un giorno gli occhi dell'Europa sono stati focalizzati sul mondo dei sordi, sull'identità e sulla cultura sorda, sulle lingue dei segni, sul ruolo degli interpreti, e tutto questo è stato possibile grazie all'Europarlamentare sorda Helga Stevens, promotrice ed organizzatrice del convegno. In particolare si è parlato dello stato del riconoscimento delle varie lingue dei segni in Europa e della necessità di prevedere per gli interpreti delle condizioni di lavoro appropriate, una formazione standardizzata a livello Europeo e il riconoscimento della professione in tutti gli Stati membri. Insomma, è stato un pomeriggio di studio ed approfondimento davvero interessante, ma soprattutto un esempio pratico di quel multilinguismo e multiculturalismo che è, o almeno dovrebbe essere, il vanto dell'Europa"

Al termine del convegno la delegazione dell'Ens ha incontrato alcuni membri della European Union of Deaf (EUD), tra cui il vice presidente Humberto Insolera, eper approfondire la situazione attuale delle varie comunità sorde europee e delle rispettive lingue dei segni. "Speriamo vivamente che questo evento storico rappresenti un ulteriore passo verso il riconoscimento della lingua dei segni italiana che aspettiamo da tanto tempo, trasformando così questi eventi eccezionali in normalità".

(1 ottobre 2016)

di c.ludovisi

Commenti

torna su

Stai commentando come



Procedure per

Percorsi personalizzati