SuperAbile

Sicilia


English version


Benvenuto nella comunità di SuperAbile. Accedi alle tue aree personalizzabili

SuperAbile regionale

SUPERABILE MULTIMEDIA

COMMUNITY

Per saperne di più

INAIL Protesi Riabilitazione e Reinserimento

Inail per l'integrazione delle persone straniere

Call Center

Contatta Superabile

Logo accessibilità


News

Anffas Sicilia: "Integrazione tra bisogni assistenziali, sociali e sanitari"

L'organizzazione ha incontrato il dirigente regionale di Famiglia e delle Politiche Sociali Bullara per l'approvazione delle linee guida e i percorsi integrati per le persone con disabilità

assistenza ad un disabile su sedia a ruote

PALERMO - Incontro positivo tra l'Anffas onlus Sicilia e M. A. Bullara, dirigente generale dipartimento Famiglia e delle Politiche. "Abbiamo registrato, la disponibilità della dottoressa Bullara, alla presenza anche del dottor Asta, segretario particolare dell'assessore alla Famiglia Bonafede, all'apertura di un tavolo tecnico con i componenti di Anffas nazionale e regionale, affinché si possano sviluppare percorsi integrati e sinergie indispensabili alla presa in carico della persona con disabilità e della sua famiglia. Nei prossimi giorni faremo avere un report curato dall'avvocato Marcellino con le nostre proposte  associative".

"Ci ha lasciato fiduciosi nelle nostre aspettative future. Nel corso dell' incontro - dice il presidente Anffas Onlus Sicilia Giuseppe Giardina -, abbiamo discusso delle criticità da noi segnalate per le persone con disabilita che abbiamo in cura e carico nelle nostre associazioni. le Linee Guida sulla disabilità da cui prendiamo spunto, sono state ‘esitate positivamente' dai tecnici del dipartimento e già sono presenti per la firma, per arrivare al successivo passaggio in Giunta regionale dove avverrà l'approvazione definitiva e la successiva promulgazione del decreto attuativo da parte del presidente della Regione Crocetta".

"Si impone anche l'esigenza di una reale integrazione tra i bisogni assistenziali, sociali e sanitari nella tutela della salute e qualità di vita delle persone con disabilità - continua il presidente Giardina -. Integrazione, che vada oltre il semplice accorpamento dei due assessorati, Salute e Famiglia, e quindi dell'unitarietà della Funzione Dirigenziale e della Funzione Amministrativa di un assessorato unico. Integrazione per Anffas Onlus è porre al ‘centro la persona' con le proprie aspettative, esigenze e bisogni. Solo attraverso una corretta presa incarico della persona, esercitata nella sua unicità, unitarietà e globalità, espletata attraverso le Unità di Valutazione Multidimensionali e la definizione della progettazione individualizzata si riuscirà a contrapporre all'attuale frammentarietà degli interventi e all'uso inefficiente delle risorse, interventi appropriati alla persona ed altrettanta appropriata allocazione delle risorse umane ed economiche di fronte alla ineludibile contrazione di quest'ultime".

"Abbiamo fatto rilevare che già la Regione Sicilia è dotata di ottimo Piano Triennale a favore delle persone con disabilita - aggiunge ancora il presidente dell'Anffas Sicilia - e che pur essendo pienamente efficace, resta disatteso nella prassi e nei contenuti. Abbiamo sollevato la delicata questione dei criteri di selezione dei soggetti legittimati ad erogare i servizi per conto dell'ente pubblico. Rilevando la necessità di una revisione della disciplina giuridica che impone anche per i servizi sociali e sanitari le regole dei ‘contratti pubblici', come pure studiare strategie efficaci affinché, nel rispetto dei principi di sussidiarietà, si possa esercitare un effettivo potere sostitutivo nei confronti dell'ente che non ottemperi alle proprie funzioni in campo sociale e sanitario". (set)

(29 maggio 2013)