SuperAbile

Sardegna


English version


Benvenuto nella comunità di SuperAbile. Accedi alle tue aree personalizzabili

SuperAbile regionale

SUPERABILE MULTIMEDIA

COMMUNITY

Per saperne di più

INAIL Protesi Riabilitazione e Reinserimento

Inail per l'integrazione delle persone straniere

Call Center

Contatta Superabile

Logo accessibilità


Sulla stampa

Parcheggi, in Sardegna "offensiva"dei vigili urbani a Quartu Sant'Elena

Succede a Quartu San'Elena, dove si è intensificata la lotta contro i furbi del pass-disabili. Multe e denunce per chi falsifica il tagliando

controllo di contrassegni

CAGLIARI - Multe e sottrazione di due punti dalla patente: è la punizione che i vigili urbani stanno infliggendo a chi occupa abusivamente i parcheggi per disabili. Se il pass è copiato, scatta anche la denuncia. L'imbroglio è un gioco da ragazzi, come evidenzia un articolo di Giorgia Daga sul quotidiano L'Unione sarda: bastano una fotocopiatrice a colori o uno scanner e un pass per disabili (quello vero), per non avere più problemi nel trovare parcheggio. In pochi secondi si può avere tra le mani un tagliando identico all'originale, per lasciare l'auto nelle strisce gialle riservate ai portatori di handicap. In città sono tantissimi gli automobilisti che adottano il trucchetto illegale, parcheggiando dove non dovrebbero e sottraendo aree di sosta a chi ne ha davvero diritto, oltre che bisogno.

I CONTROLLI Per questo, nei giorni scorsi gli agenti della Polizia municipale hanno dato il via a controlli serrati a ridosso delle strisce gialle. Non solo: per evitare falsificazioni, da qualche tempo i pass sono dotati di uno speciale ologramma che non si può riprodurre in alcun modo. Una lotta serrata per dire addio a sosta selvaggia e far rispettare le regole.

LE SANZIONI - I blitz hanno preso il via la settimana scorsa. I vigili stanno passando al setaccio i pass esposti dietro i parabrezza per verificare che appartengano effettivamente a disabili. Per i trasgressori, la sanzione è settanta euro di multa, due punti sottratti dalla patente e, nel caso di cartellino contraffatto, la denuncia all'autorità giudiziaria.

I VIGILI «In quest'ultimo periodo», spiega il capitano Tiziano Casu, responsabile dell'Ufficio contravvenzioni, «sono stati realizzati numerosi nuovi parcheggi riservati ai disabili: per questo si è deciso di intensificare i controlli. Le verifiche, in caso di sospetto di cartellino contraffatto, sono minuziose: prima si sequestra il pass, poi si fa l'eventuale denuncia». Le multe arrivano, ovviamente, anche per chi parcheggia nelle strisce gialle senza avere alcun pass: né regolare né fotocopiato.

GLI ACCORGIMENTI Per i furbi, arrivano tempi duri. Adesso i tagliandi rilasciati per la prima volta sono a prova di falsificazione: hanno impresso un ologramma (una sorta di quadratino fluorescente) che, se inserito in una fotocopiatrice o in uno scanner, è riprodotto con il nero totale. «Una misura necessaria, considerata la piega che sta prendendo il fenomeno», aggiunge Casu, «anche tutti quelli che chiedono il rinnovo avranno il pass con l'ologramma».

LE PIAZZOLE Sono duecentoquaranta, i parcheggi delimitati con strisce gialle distribuiti nel centro urbano e nel litorale. Una ventina sono stati realizzati di recente, dopo le richieste dei residenti. Proprio per evitare imbrogli, lo scorso anno il sindaco Gigi Ruggeri aveva bloccato il rilascio dei pass in attesa delle verifiche. «Prima di rilasciare il tagliando, assumiamo tutte le informazioni necessarie», sostiene l'agente dell'ufficio Traffico e viabilità Antonello Casiddu, «chi lo richiede deve dimostrare di avere tutti i requisiti».

LA LOTTA Sorprendere in flagrante chi lascia l'auto negli spazi riservati, non è cosa facile: spesso, quando arrivano le segnalazioni, i trasgressori sono già andati via. Per questo le multe non sono state tante: duecentosette nel 2008, appena centosettantadue l'anno prima. Proprio per questo, adesso i vigili stazionano proprio a ridosso delle strisce gialle.

INFRAZIONI I parcheggi per disabili non sono l'unico problema: sosta selvaggia resta una delle peggiori abitudini della città. In tutti i quartieri le auto sono lasciate senza criterio davanti ai divieti di sosta, ai passi carrai, sopra i marciapiedi e perfino dentro le aiuole. Capita di trovarle anche quasi in mezzo alla carreggiata, a bloccare il traffico, e i proprietari la maggior parte delle volte restano impuniti.

(19 febbraio 2009)