SuperAbile

Lombardia


English version


Benvenuto nella comunità di SuperAbile. Accedi alle tue aree personalizzabili

SuperAbile regionale

SUPERABILE MULTIMEDIA

COMMUNITY

Per saperne di più

INAIL Protesi Riabilitazione e Reinserimento

Inail per l'integrazione delle persone straniere

Call Center

Contatta Superabile

Logo accessibilità


Zoom

"Una giostra per tutti": verso linee guida per l'accesso ai parchi di divertimento

Al via il progetto per garantire alle persone con particolari necessità le migliori opportunità di accesso alle attrazioni dei parchi di divertimento. Uniti nell'iniziativa il Parco Minitalia Leolandia di Milano, CoorDown e Ancasvi. A Milano un convegno con esperti internazionali

giostra

ROMA - Si chiama "Una giostra per tutti" ed è il progetto pilota per lo studio e il miglioramento dell'accessibilità alle attrazioni dei parchi di divertimento per le persone disabili. Il progetto è stato presentato il 12 giugno nel corso del convegno nazionale sul tema tenutosi a Dalmine presso il Polo didattico territoriale dei Vigili del Fuoco. Nato dalla necessità di superare l'attuale situazione dell'accessibilità alle attrazioni da parte di persone con speciali esigenze, il progetto ha come obiettivo ultimo la realizzazione di Linee Guida condivisibili sia a livello nazionale che internazionale. In assenza di norme precise, esse potranno infatti diventare una solida base per affrontare il problema in maniera sistematica e corretta nel pieno rispetto delle persone con disabilità, combinando la miglior accessibilità possibile con l'indispensabile livello di sicurezza. Per realizzare ciò, in parallelo ai test sulle disabilità fisiche che si stanno già effettuando presso il parco Miragica di Molfetta (BA), al Parco di divertimento Minitalia Leolandia si sono svolti test focalizzati in particolare su persone con sindrome di Down (sdD).

Qualificati esperti hanno per la prima volta realizzato una serie di prove con un gruppo di 30 ragazzi con sindrome di Down e relativo gruppo di controllo, per verificare da un punto di vista scientifico la loro risposta alle diverse attrazioni. Condotti con rigore scientifico come tengono a specificare i promotori, i test hanno previsto la misurazione per ciascun partecipante di importanti parametri fisici e delle emozioni riscontrate prima, durante e dopo i test sulle varie giostre.

Tra i partner dell'iniziativa l'Istituto superiore di sanità, il Parco MinitaliaLeolandia, CoorDown (Coordinamento nazionale associazioni delle persone con sindrome di Down) e Ancasvi (Associazione nazionale costruttori attrezzature spettacoli viaggianti), con il contributo fondamentale della Provincia di Reggio Emilia. Presenti al convegno del 12 giugno esperti del settore provenienti da Paesi europei ed extraeuropei (Usa, Canada, Benelux, Francia, Inghilterra, Germania) per discutere, insieme a medici e ricercatori, consulenti legali, costruttori e gestori di Parchi, associazioni di familiari, di accessibilità e sicurezza, di diritto e degli aspetti tecnico-scientifici del progetto.

"Negli ultimi anni molte cose sono cambiate tra le persone con sindrome di Down: si è allungata l'aspettativa di vita - ha detto Anna Contardi dell'Aipd intervenuta al convegno - e sono sempre più numerosi gli adulti la cui presenza supera in Italia di gran lunga quella dei minori. L'esperienza dell'inclusione ha inoltre portato queste persone ad essere presenti in ogni luogo di vita. Per questo - ha proseguito Contardi - è importante un lavoro di chiarificazione e di informazione/formazione del personale dei parchi e un rinnovamento del sistema di sicurezza in tal senso; tutto ciò anche in applicazione della Convenzione Onu per i diritti delle persone con disabilità (articoli 9 e 30)".

Gli interventi hanno focalizzato, inoltre, sulla normativa per i gestori delle strutture e sul punto di vista dei costruttori dei giochi, sull'importanza dell'educazione motoria come strumento di integrazione sociale nei casi di disabilità fisica o intellettiva. E' intervenuto anche Tom Sheehan, avvocato e ingegnere, consulente legale dei costruttori dei più importanti parchi di divertimento negli Stati Uniti che da anni si occupa di studi sull'accessibilità e regolamentazione della stessa: Sheehan ha ripercorso la storia della normativa in materia negli Usa.

(14 giugno 2013)