SuperAbile

Lazio


English version


Benvenuto nella comunità di SuperAbile. Accedi alle tue aree personalizzabili

SuperAbile regionale

SUPERABILE MULTIMEDIA

COMMUNITY

Per saperne di più

INAIL Protesi Riabilitazione e Reinserimento

Inail per l'integrazione delle persone straniere

Call Center

Contatta Superabile

Logo accessibilità


Interviste e personaggi

"Ma se non ha problemi motori, perché ha il permesso per il parcheggio?"

Lo sfogo di una lettrice del settimanale "Oggi", che esprimendo un sentire comune si domanda per quale motivo viene concesso il parcheggio riservato ad una persona con disabilità intellettiva che non ha però alcun problema motorio. Chiamato direttamente in causa, risponde il giornalista Gianluca Nicoletti, padre di un ragazzo autistico: "Ecco perché quel posto serve, c'è mancanza di cultura nei confronti dell'autismo"

Gianluca Nicoletti, padre di un ragazzo autistico

ROMA - "Ma se il figlio autistico va in bici e gioca a golf perché deve avere il permesso per il parcheggio? Per carità, la massima comprensione per questi genitori che devono affrontare un problema grande, ma questo mi sembra troppo!". Chiede scusa per lo sfogo, la signora Fiorella, ma "non riesce proprio ad accettarlo". Lo scrive al settimanale Oggi (numero 10) come reazione al passaggio di un articolo a firma di Marianna Aprile in cui si racconta l'esperienza del giornalista Gianluca Nicoletti con il figlio autistico. "Ci abbiamo messo un anno per avere il permesso di parcheggio per disabili...", dice Nicoletti intervistato da Marianna Aprile. Ed esplode la signora Fiorella: "Ma com'è possibile che un ragazzo che va in bici, gioca a golf (quindi nessun impedimento motorio) possa aver diritto al parcheggio per disabili?".

Al sospetto sollevato dalla lettrice risponde puntualmente l'autrice dell'articolo, e Gianlcuca Nicoletti sul suo blog risponde dal suo punto di vista di genitore di un figlio con sindrome autistica oltre che di giornalista. "La campagna martellante che sui media nell' ultimo anno tende a enfatizzare i falsi invalidi è sacrosanta, ma purtroppo sta creando anche quell' effetto generalizzato di sospetto verso chi non sembra avere, all'apparenza, lo stigma evidente di una disabilità. E' uno dei problemi di cui tratto nel mio libro ("Una notte ho sognato che parlavi", Mondadori), la mancanza di cultura nei confronti dell'autismo. Se la signora avesse una minima cognizione di cosa sia una disabilità di tipo cognitivo e relazionale - prosegue Nicoletti - non si esprimerebbe in maniera così scandalizzata per il fatto che un ragazzo che non abbia impedimenti motori abbia bisogno di usufruire di un permesso che lo agevoli nel trasporto in auto. Chi ha un figlio autistico - puntualizza Nicoletti - conosce bene questo atteggiamento generalizzato che riesce a volte a farci sentire quasi come una colpa di dover gestire un figlio disabile che non ha addosso segni sempre così evidenti del suo problema".

Continua il giornalista: "Forse è superfluo, ma mi piacerebbe poter spiegare alla signora quanto sia impossibile per un autistico fare un solo passo fuori della porta di casa, senza che qualcuno si occupi di lui. Un autistico adulto è come una bomba sempre sul punto di poter esplodere, molto spesso ha una massa fisica e muscolare che ne rende difficilissima la gestione nel caso di crisi oppositive, vale a dire si pianta in mezzo alla strada e non si muove più, comincia a dare schiaffi, pugni, graffi a chi lo stia accompagnando, entra in comportamenti problema che potrebbero sfociare in atti auto ed etero lesionisti. Ancora di più potrebbe avere una crisi epilettica e in quel caso la vicenda si fa ancora più complicata, soprattutto per strada. Per un autistico anche il solo aspettare a un semaforo, fare un percorso piuttosto che un altro, passare per una strada particolarmente rumorosa potrebbe essere motivo dello scatenarsi di uno di questi problemi".

"Chi mi è "collega" capirà quanto sia veramente lancinante dover giustificare che il proprio figlio vada in tandem, possa giocare a tirare qualche pallina da golf al campo scuola comunale, ma allo stesso tempo è un invalido gravissimo" continua Nicoletti, che conclude: "Mi creda signora Fiorella, ne farei volentieri a meno di quel cartoncino arancione che ogni tanto appoggio sul mio cruscotto, quasi con sensi di colpa per chi ci guarda male e pensa come lei: "Guardate quel ragazzo che avrà mai per permettersi di parcheggiare sulle strisce gialle!" . Immagini che a volte quel cartoncino è l' unica ancora di salvezza quando dobbiamo decidere se ce la faremo ad affrontare un' uscita per la città o restarsene chiusi a casa". (ep)

(27 marzo 2013)

Vita quotidiana di un padre e del suo "gigante" autistico. Aspettando Insettopia

gianluca nicoletti"Una notte ho sognato che parlavi" (Mondadori) di Gianluca Nicoletti. Un racconto "spregiudicato e spudorato" dei contrasti di sentimenti, tra senso di "prigionia" e amore sconfinato. E all'orizzonte il progetto di una città per "ragazzi speciali"