SuperAbile


English version


Benvenuto nella comunità di SuperAbile. Accedi alle tue aree personalizzabili

SuperAbile regionale

SUPERABILE MULTIMEDIA

COMMUNITY

Per saperne di più

INAIL Protesi Riabilitazione e Reinserimento

Inail per l'integrazione delle persone straniere

Call Center

Contatta Superabile

Logo accessibilità


Superabilex

Esenzione del canone RAI per le persone con disabilità

DOMANDA

Vorrei sapere se gli invalidi civili 100% con indennità di accompagnamento e gli handicappati ex art. 3 legge 104/92 abbiano diritto all?esenzione dal canone RAI.


RISPOSTA

Gentile utente,
è opportuno premettere che quello che viene generalmente definito canone di abbonamento al servizio radiotelevisivo pubblico non è un vero e proprio ?canone? o una ?quota di abbonamento a un servizio?, bensì è un tributo dovuto per la semplice detenzione di un apparecchio atto od adattabile alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive.
Il canone di abbonamento ordinario, canone di abbonamento TV per uso privato, è dovuto da chi possiede o detiene l?apparecchio televisivo in ambito familiare.
Chiunque abbia uno o più apparecchi televisivi deve per legge R.D.L.21 febbraio 1938, n. 246 pagare il canone di abbonamento TV. Trattandosi di un?imposta sul possesso o sulla detenzione dell?apparecchio, il canone deve essere pagato indipendentemente dall?uso del televisore o dalla scelta delle emittenti televisive.
Nel caso dell?abbonamento per uso privato, il canone è unico e copre tutti gli apparecchi televisivi posseduti o detenuti dal titolare nella propria residenza o in abitazioni secondarie, o da altri membri del nucleo familiare risultante dallo stato di famiglia.
È opportuno precisare che, ad ulteriore conferma di quanto sopra scritto, è stato interpellato telefonicamente il Servizio Abbonamenti - RAI nonché l?Agenzia dell?Entrate; entrambi i Servizi hanno confermato che non sono previste, in materia di tassa di possesso su apparecchi radiotelevisivi (canone RAI), agevolazioni per le persone con disabilità.
Tale mancata previsione si giustifica per quanto segue:
?La legge non prevede, a favore delle persone disabili, ipotesi di esonero dal pagamento del canone di abbonamento, infatti dal 01/01/74 tale esenzione e? stata abrogata ai sensi dell?art. 42 del D.P.R. 29/9/73 n. 601?.
Le norme fondamentali sugli abbonamenti alle radiodiffusioni sono contenute nel R.D.L. 21 febbraio 1938, n. 246, convertito nella Legge 4 giugno 1938, n. 880.

La informiamo, inoltre, che nella Finanziaria 2008 non sono previste esenzione relative al Canone RAI, se non per gli ultrasettantacinquenni con un reddito mensile inferiore a Euro 516,46, senza conviventi (art. 1 comma 133 Legge Finanziaria 2008).
Sul Sito Internet www.rai.it viene chiarito che, finché non sarà pubblicato il Decreto del Ministro dell?economia e delle finanze la norma non sarà operativa.


(1 Febbraio 2008)